Consigli per contrastare l’eiaculazione precoce: sotto le lenzuola nessuna frustazione

Risultare “ridicolo” agli occhi, e non solo, del proprio partner, riduce la propria autostima e può compromettere il rapporto di coppia per la paura di deludere. Ecco alcuni consigli per contrastare l’eiaculazione precoce.

contrastare l'eiaculazione precoceTra i disturbi sessuali maschili, l’eiaculazione precoce è un nemico da combattere e da tenere lontano dal letto, iniziando a comprendere quando può essere importante conoscerne le cause e, con l’aiuto di uno specialista, individuare il trattamento migliore, possibilmente naturale e senza effetti collaterali.

Vergognarsi di una disturbo maschile molto comune come l’eiaculazione precoce e quindi non affrontarlo, significa compromettere il rapporto con il proprio partner, influendo negativamente sul benessere sessuale, anche della coppia. La tendenza è quella di mascherare e far finta di niente sperando che il rapporto sessuale migliori da sé e che prima o poi il nostro cronometro intimo attesti dei tempi plausibili che facciano inorgoglire noi e felice il partner. Immaginatevi i vostri spermini, che attendono il via prima di correre velocemente verso il traguardo. Ebbene, lo starter deve essere il più lento possibile, deve dare cioè la possibilità agli spermini di scaldarsi a lungo, prima del fatidico scatto. Come?

Prima di parlare di come contrastare l’eiaculazione precoce, approfondiamo attentamente i risvolti negativi di un tale disturbo sessuale.

 

Quando si parla di eiaculazione precoce?

L’eiaculazione precoce in termini andrologici è un disturbo sessuale difficile da definire.

La Società Italiana di Andrologia, per semplificare, parla di

“…eiaculazione precoce quando c’è una difficoltà stabile e persistente nel controllo volontario dell’eiaculazione, cosi che questa arriva in seguito ad una minima stimolazione e prima che il soggetto lo desideri”.

Orologio alla mano, il raggiungimento dell’orgasmo è fondamentale per capire di che tipo di eiaculazione stiamo parlando. Infatti si parla di:

  • eiaculazione precoce primaria detta anche ante-portam; è la più frequente delle eiaculazioni in quanto ne soffre circa il 65% della popolazione maschile e si manifesta quando l’orgasmo arriva prima ancora della penetrazione; questo è riconosciuto come il caso più grave di eiaculazione precoce che può assumere un carattere cronico e che può peggiorare con il passare degli anni;
  • eiaculazione precoce secondaria detta anche acquisita; è quella che arriva con l’immediata penetrazione (di solito dal minuto ai tre), che può essere legata a fattori diversi che riguardano la sfera neurologica, psicologica e relazionali.

A volte l’eiaculazione precoce acquisita non è vissuta necessariamente come un problema…ma qui potrebbe stare l’inganno. Non si tiene conto infatti, con una sana dose di egoismo, che probabilmente il nostro partner non sia soddisfatto del rapporto per come lo siamo noi e qui scatta un altro risvolto psicologico che è quello dell’ansia da prestazione, dando vita ad un circolo vizioso che di sicuro non aiuta a contrastare questa disfunzione sessuale.

Dentro la nostra mente potrebbero annidarsi strani pensieri del tipo….e se mia moglie possa tradirmi perché non la soddisfo completamente?

Si entra dunque in uno stato emotivo a dir poco catastrofico nel quale si può rimanere incagliati permettendo alla frustrazione di farla da padrona.

 

Consigli per contrastare l’eiaculazione precoce: cosa fare?

La prima cosa utile da fare è aprirsi con un medico. Non deve essere una chimera quello di parlare apertamente ed il più chiaramente possibile di questo “problemino” assolutamente risolvibile.

Parlarne con un andrologo senza perdere tempo e perché no coinvolgendo il proprio partner, che di sicuro apprezzerà la nostra buona volontà, è la soluzione migliore e l’eiaculazione precoce potrà diventare solo un lontano e sgradevole ricordo.

Sono numerosissime le metodologie e le tecniche che ci consentirebbero di fare bella figura e risultare un maratoneta agli occhi del partner. Tra queste l’orgasmo auto prodotto poco prima di un rapporto o l’utilizzo di posizioni iniziali che riducono l’effetto stimolante che porta all’eiaculazione. Senza tralasciare la chimica e quindi la terapia farmacologica disponibile in commercio. Sicuramente un aiuto al bisogno per contrastare qualsiasi figuraccia, ma come evidenziato dall’ organizzazione mondiale della sanità, non bisogna abusarne, e la loro assunzione non può prolungarsi per lunghi periodi. Quindi fate molta ATTENZIONE ma niente attacchi di panico perché il rimedio esiste e arriva anche dalla natura.

Gli estratti vegetali utilizzati per contrastare l’eiaculazione precoce causata da disturbi d’ansia, fobia specifica e fobia sociale, disturbo di panico ed indicati per la salute sessuale sono:

  • griffonia (Griffonia simplicifolia bail)
  • valeriana (Valeriana officinalis)
  • passiflora (Passiflora Incarnata)

piante i cui principi attivi sono particolarmente indicati per le loro proprietà ansiolitiche e rilassanti: il fitocomplesso che deriva da questi estratti vegetali potrebbe essere d’aiuto per vivere la relazione sentimentale con maggior serenità, contrastando di conseguenza l’ansia da prestazione, considerata un importante fattore eziologico imputato nell’eiaculazione precoce.

Ti senti frustrato per le tue prestazioni?

Scopri Revit, integratore stritardante naturale!


Revit è un integratore utile per contrastare l’ansia da prestazione e per aiutarti a durare di più!

Lascia un commento

Hey, so you decided to leave a comment! That's great. Just fill in the required fields and hit submit. Note that your comment will need to be reviewed before its published.

There are no products
Invia
1
Domande? Chatta con noi
Ciao,
contattaci via WhatsApp per info e domande sui prodotti o sugli ordini! Puoi scegliere anche l'operatore in base alle tue esigenze.
Rispondiamo dal lun al ven dalle 9.00 alle 18.00