Eiaculazione precoce cure: cosa fare e cosa non fare

L’Eiaculazione precoce è un problema che può essere trattato e curato. Molto spesso, però, chi ne soffre non ne parla forse per vergogna e imbarazzo e ricorre a rimedi “fai da te” che nella maggior parte dei casi sono vani  o, peggio, aggravando la sintomatologia senza risolvere il problema. Vediamo cosa fare e cosa non fare.

eiaculazione precoce cure

L’Eiaculazione Precoce è una disfunzione sessuale maschile  piuttosto comune, in ambito medico-scientifico definita “Una modalità persistente o ricorrente di eiaculazione che si verifica durante i rapporti sessuali, circa un minuto dopo la penetrazione vaginale e prima che l’individuo lo desideri” (DSM-5, 2014).

Per essere una patologia conclamata e non un disagio momentaneo o occasionale, deve inoltre causare disagio o difficoltà interpersonali e non deve essere dovuta agli effetti diretti di una sostanza/farmaco o condizione medica.

 

Falsa eiaculazione precoce (o eiaculazione precoce soggettiva)

Definire l’eiaculazione precoce non è così scontato. Spesso il tentativo di farlo genera equivoci e preoccupazioni inutili. La difficoltà nasce dal fatto che non si possono descrivere sintomi identificativi precisi ed inequivocabili, ma soprattutto è difficile definire quand’è che si possa parlare di vera e propria eiaculazione precoce, perché non esiste un tempo stabilito a priori che un uomo dovrebbe “durare”. Ogni rapporto sessuale è un evento unico e irripetibile.

Come abbiamo già espresso in altri post, la durata di un singolo rapporto sessuale, dal momento della penetrazione all’orgasmo, può variare anche considerevolmente nell’ambito di una singola relazione: a volte può durare pochi secondi secondi, altre qialche minuto e altre ancora l’orgasmo può giungere dopo un periodo più prolungato. Finchè tutto ciò è soddisfacente per entrambi i partner, la durata non dovrebbe essere percepita come un problema. Basti considerare che la durata media di un rapporto sessuale è di circa 5 minuti!

L’eiaculazione precoce è una disfunzione sessuale che non va confusa con uno o pochi eventi episodici, occasionali, quindi con una falsa eiaculazione precoce (o eiaculazione precoce soggettiva).

Questo purtroppo oggi accade spesso: i film porno, il web, l’ossessione per le performance e la virilità a tutti i costi, portano sempre più uomini giovani e meno giovani ad avere una percezione distorta della sessualità e a giudicare negativamente se stessi in termini di dimensioni e durata.

Il falso eiaculatore precoce in realtà ha una eiaculazione del tutto normale ma tende comunque a sviluppare una sintomatologia emotiva sovrapponibile a quella dell’eiaculatore precoce reale (scarso controllo eiaculatorio, ansia da prestazione, qualità del rapporto poco soddisfacente), perchè ha inconsciamente svulippato una percezione della latenza eiaculatoria alterata.

Eiaculazione precoce cure “fai da te”: cosa NON fare

Lo abbiamo accennato sopra: spesso chi soffre di eiaculazione precoce si vergogna e non ne parla nè con la partner nè con uno specialista. Così ricorre a rimedi “fai da te” che con molta probabilità sono vani o, ancora peggio, finiscono per aggravare la sintomatologia senza risolvere il problema.

Di fronte ad un problema di eiaculazione precoce cure improvvisate non vanno mai bene! Tentare di arginare il problema e di far durare di più il rapporto con rimedi improvvisati o sentiti dire è in assoluto la scelta più sbagliata!

Alcuni, durante il rapporto sessuale, anziché godersi il momento di piacere, spostano l’attenzione sul “non piacere” e iniziano a pensare a cose ed eventi negativi della vita quotidiana erroneamente convinti che in questo modo riescono a posticipare l’orgasmo.  In realtà questa malsana strategia provoca esattamente l’effetto contrario da quello sperato: pensando ad altro, l’uomo perde completamente il controllo dell’eiaculazione.

Risultato? Il rapporto sessuale sarà ancor più “frettoloso” ed insoddisfacente, sia per lui che per lei!

Le cure “fai da te” più diffuse che gli uomini mettono in atto nel tentativo di migliorare il controllo sull’eiaculazione sono:

  • masturbazione prima dell’orgasmo
  • coito reiterato
  • utilizzo di spray, creme (anestetizzanti) da banco senza alcuna prescrizione medica
  • infliggersi dolore per spostare l’attenzione e ritardare l’eiaculazione
  • utilizzo di pensieri distraenti per ritardare l’orgasmo.

Tutte queste strategie sono in realtà disfunzionali: non fanno altro che mantenere ed alimentare il problema. La frustrazione, il senso di inadeguatezza e l’ansia che l’uomo percepisce si accentuano, e il controllo eiaculatrio non migliora, anzi, diventa sempre più difficile.

Eiaculazione precoce cure: ecco cosa fare

Per affrontare e risolvere al meglio un problema eiaculatorio, il primo passo da fare è rivolgersi ad uno specialista andrologo. Solo un’accurata diagnosi potrà stabilire se un uomo è affetto da una reale disfunzione sessuale e valutare la causa che scatena l’eiaculazione precoce.

Una volta diagnosticato il problema ed indentificata la causa, il medico saprà consigliare il trattamento giusto.

Se l’eiaculazione precoce dipende da cause organiche (anomalie anatomiche del frenulo, ipersensibilità del glande, stati infiammatori, uretriti, vescicoliti, prostatiti, sclerosi multipla, tumori midollari, ecc), le cure dovranno essere mirate ad eliminare il problema che, come sintomo, scatena la precocità eiaculatorio.

In alcuni casi i fattori biologici che scatenano una disfunzione eiaculaztoria precoce, sono legati a fattori ormonali. ricerche recenti hanno dimostrato che la difficoltà di controllare l’orgasmo in molti uomini dipende da bassi livelli di Serotonina. In tali casi, si può ricorrere alla farmacoterapia. Tra i farmaci approvati ci sono gli bloccanti alfa-adrenergici e gli antidepressivi serotoninergici (tra cui la dapoxetina). In realtà non sono specifici per la cura dell’eiaculazione precoce, ma sfruttano l’effetto collaterale degli stessi per desensibilizzare l’area genitale e posticipare l’orgasmo.

Nella pratica clinica, comunque, è stato sperimentato che per curare le eiaculazioni precoci è sempre utile associare alla terapia farmacologica un percorso di psicoterapi, che preveda una graduale riduzione e sospensione del farmaco, non appena il soggetto acquisisce un maggior senso di auto-controllo.

Se si escludono le cause di natura organica/biologica, la cura dell’eiaculazione precoce si concentrerà sugli aspetti psicogeni attraverso un percorsio di terapia cognitivo-comportamentele. Essa prevede un percorso volto all’aumento dei tempi di latenza eiaculatoria attraverso lo sviluppo della consapevolezza circa le sensazioni fisiche che precedono l’orgasmo. Se necessario si rivolge l’attenzione anche all’analisi degli aspetti psicologici più profondi (personalità, relazioni, credenze sessuali, storia di vita e contesto socio-culturale di appartenenza). Le strategie utilizzate si basano su l’esecuzione di alcuni esercizi e tecniche mirate:  ad esempio lo “stop and start” (ripetuta interruzione del rapporto sessuale in prossimità dell’orgasmo) e lo “squeeze” (blocco eiaculazione tramite compressione esercitata con le dita tra il glande e l’inizio del corpo del pene).

A volte il percorso psicologico prevede la partecipazione di entrambi i membri della coppia e implica una serie di prescrizioni e di esercizi da eseguire insieme al partner.

 

Rimedi naturali per ritardare l’eiaculazione

Quando parliamo di rimedi naturali contro l’eiaculazione precoce facciamo riferimento ad integratori sessuali specificatamente formulati per aiutare a contratare alcune cause di EP e ridurre alcuni sintomi del problema come l’ansia da prestazione.

Quando si può ricorrere ai rimedi naturali?

Gli integratori sessuali ritardanti possono essere utili:

  • quando l’eiaculazione precoce non dipende da cause fisiche o da altre patologie;
  • quando un uomo non può o non vuole ricorrere ai farmaci;
  • in affiancamento alla psicoterapia.

Quando il problema è scatenato da fattori di origine psicologica e neurologica, legati prevalentemente all’ Ansia e allo Stress e ad un basso livello di Serotonina, alcuni estratti vegetali come la Griffonia, la Valeriana e la Passiflora, agiscono:

  • abbassando i livelli di stress e
  • aumentando i livelli si Serotonina.

L’effetto della sinergia di queste piante è che i muscoli pelvici si rilassano, l’uomo riesce a controllarne meglio le reazioni e il meccanismo eiaculatorio.

Tutto questo in modo naturale e senza effetti collaterali!

Ritarda l’eiaculazione precoce in modo naturale!

Scopri Revit, integratore ritardante naturale!


Revit è un integratore appositamente studiato per aiutare l’uomo a contrastare i sintomi dell’eiaculazione precoce.

Lascia un commento

Hey, so you decided to leave a comment! That's great. Just fill in the required fields and hit submit. Note that your comment will need to be reviewed before its published.

Carrello vuoto

SUBITO IL 10%

DI SCONTO!

   - 10%

Invia
1
Domande? Chatta con noi
Powered by Join.chat
Ciao,
contattaci via WhatsApp per info e domande sui prodotti o sugli ordini! Puoi scegliere anche l'operatore in base alle tue esigenze.
Rispondiamo dal lun al ven dalle 9.00 alle 18.00