Eiaculazione precoce – Le possibili cause

L’ EP è un disturbo che può e deve essere affrontato, trattato e risolto, ma per giungere a questo è importante sottoporsi a visita specialistica e capire le cause di eiaculazione precoce.

eiacualzione precoce

 

Cos’ è l’ eiaculazione precoce

L’ eiaculazione precoce (EP) è la disfunzione sessuale maschile più diffusa. Nella maggior parte dei casi è un problema risolvibile ma per arrivare a questo e individuare il giusto trattamento, è fondamentale diagnosticare la tipologia del problema e capirne la causa.

Dire cos’è l’eiaculazione precoce  e fare una diagnosi di precocità eiaculatoria non è semplice e sarebbe riduttivo considerare soltanto la durata del rapporto dal momento della penetrazione a quello dell’eiaculazione maschile.

In campo medico si parla di eiaculazione precoce come quella condizione frustrante per cui un uomo è persistemente incapace di esercitare un controllo volontario sul suo riflesso eiaculatorio, per cui, anche con una minima eccitazione, raggiunge l’orgasmo. Nella maggior parte dei casi ciò avviene prima o molto prima che la partner abbia raggionto l’orgasmo e comunque durante la penetrazione vaginale, in casi più gravi, l’eiaculazione precoce può verificarsi addirittura prima della penetrazione (ante-portas) o immediatamente dopo (post-portas). In ogni caso, per essere considerato un problema, non deve essere un evento sporadico ma deve avvinire durante ogni rapporto sessuale e con qualsiasi partner.

 

Tipologie di eiaculazione precoce

La letteratura scientifica definisce l’ eiaculazione precoce in diversi modi, classificandola in base a più varibili.

In base al PERIODO in cui il problema è insorto, si distingue fre:

  • eiaculazione precoce primaria: quando insorge fin dall’inizio dell’attività sessuale (spesso le cause sono di natura neuro-biologica o genetica)
  • eiaculazione precoce secondaria: quando insorge dopo un periodo di normale controllo dell’eiaculazione stessa. Generalmente questa è la conseguenza di altri disturbi come ad esempio una disfunzione dell’erezione,  l’ipertiroidismo, un’ infiammazioni della prostata e delle vescicole seminali, o può essere la conseguenza di fattori psicologici individuali o relazionali di coppia.

In base alle CONDIZIONI in cui si verifica:

  • eiaculazione precoce assoluta:  si verifica con qualsiasi partner ed in qualsiasi situazione
  • eiaculazione precoce relativa o relazionale:  la precocità si manifesta solo in determinate situazioni o solo con determinate partners.

In base ai TEMPI di durata del rapporto sessuale:

  • eiaculazione precoce severa: quando avviene subito prima o subito dopo (60 secondi) dalla penetrazione entro le prime 15-20 spinte pelviche coitali
  • eiaculazione precoce di media entità: quando avviene entro 1-3minuti o 10-20 spinte
  • eiaculazione prematura: prima che il maschio lo desideri (circa 5 minuti)
  • eiaculazione prima che la partner sia soddisfatta.

 

eiaculazione precoce

 

Le cause di eiaculazione precoce

In genrale le cause dell’ eiaculazione precoce possono essere di natura organiche,  neurobiologico o psicologica, e spesso l’eziologia è mista, ossia il problema non dipende solo da uno di questi fattori. In particolare, ciascun meccanismo scatenante può essere sostenuto e rafforzato da problematiche psicologiche che subentrano successivamente : si viene a creare cioè un circolo vizioso che auto-sostiene e rende più evidente il problema.

Tra le principali cause organiche ricordiamo:

  • ipersensibilità del glande
  • ridotta concentrazione cerebrale di serotonina la cui funzione è quella di inibire l’eiaculazione
  • infiammazione prostatica, adenoma prostatico, vesciculiti, uretriti
  • patologie infiammatorie croniche a carico del prepuzio o del frenulo
  • patologie neurologiche: sclerosi multipla, tumori del midollo, spina bifida
  • patologie endocrine: ipertiroidismo, diabete mellito.

Tra le cause psicologiche vanno sicuramente segnalate:

  • l’ansia della performance sessuale
  • problematiche relazionali di coppia: la conflittualità verso la partner, l’abitudine e la rivalità.

In ogni caso, per una corretta diagnosi dell’ eiaculazione precoce è fondamentale la visita di uno specialista andrologo / urologo: solo dopo aver raccolto una precisa anamnesi, avere visitato attentamente il paziente, ed eseguito una precisa diagnostica, lo specialista potrà formulare l’ipotesi diagnostica e il trattamento più adeguato e mirato.

Se ad esmpio l’ eiaculazione precoce è il sintomo di una prostatite, inutile assumere farmaci specifici per l’eiaculazione precoce se non si cura la causa, ossia l’infiammazione prostatica!
Quando la causa prevalente è un fattore psicologico, oltre ad una terapia psicosessuologica, per prevenire e trattare l’eiaculazione precoce possono essere utili dei trattamenti naturali con integratori a base di griffonia, passiflora e valeriana che, oltre a ridurre l’ansia da prestazione, aiutano ad aumentare il livelli di serotonina, i neurotrasmettitore che controlla lo stimolo eiaculatorio.

 

eiaculazione precoce

 

Che cosa fare

L’ eiaculazione precoce è un problema indipendente dall’età (colpisce circa il 20-25 % degli uomini in età sessualmente attiva, dai 16 a 70 anni) ed è il disturbo sessuale più diffuso fra la popolazione maschile.

Nonostante la grande incidenza e nonostante sia un problema trattabile e risolvibile, statistiche del settore riferiscono un dato allarmante: la maggior parte degli uomini per ragioni varie (disinformazione, ignoranza, tabù, vergogna) non consulta sempre l’andrologo tempestivamente come invece lo fa se affetto da disfunzione erettile. Solo nel 10 % dei casi si rivolge ad uno specialista e dopo insistenza della partner, evidentemente  sessualmente insoddisfatta.

Quando un uomo è affetto da eiaculazione precoce, la prima cosa da fare è sottoporsi ad una visita da uno Specialistica Andrologo. Dopo un colloquio approfondito ed una visita molto accurata, durante la quale  lo specialista valuta il glande, il prepuzio, la presenza o meno di frenulo eccessivamente breve, esplora la prostata, evoca i riflessi nervosi genitali, consiglia eventuali altre indagini mirate, potrà fornire una diagnosi precisa, determinando prima di tutto se il paziente sia affetto da una patologia eiaculatoria, la causa scatenante e la terapia adeguata.

Fonti:

AOGOI-SIU – Le disfunzioni sessuali della coppia. Conferenza stampa, Senato, Roma, 22 luglio 2013

De Vanna M, Del Pup L, Carlino D – Principi di sessuologia clinica. Società Editrice Universo, Roma, 2011

Jannini EA, Lenzi A, Maggi M – Sessuologia medica. Elsevier Masson 2007; cap. 12

Donatucci CF – Etiology of ejaculation and pathophysiology of premature ejaculation. J Sex Med 2006; 3(4): 303-8

Rowland DL et al –Seld-reported premature ejaculation and aspects of sexual functioning and satisfaction. J Sexual Med 2004; 1: 225-232

 

Comments (4)

  • […] irrisolvibile. Non è così! Se il disturbo viene diagnosticato adeguatamente e si identificano le cause scatenanti l’eiaculazione precoce, nella maggior parte dei casi il rimedio c’è e l’eiaculazione precoce può essere superata […]

    Rispondi
  • […] Alcuni rimedi naturali possono essere molto utili ad alleviare i sintomi dell’eiaculazione precoce e a superare il problema quando questa condizione non deriva da cause di tipo organico (prostatiti e altre patologie), quando non è un problema grave ed invalicabile (eiaculazione precoce primaria) […]

    Rispondi
  • […] è una domanda abbastanza complessa: i rimedi e le tipologie di trattamenti dipendono molto dalla causa dell’eiaculazione precoce. Per questo, il primo passo importante da fare è rivolgersi ad uno […]

    Rispondi

Lascia un commento

Hey, so you decided to leave a comment! That's great. Just fill in the required fields and hit submit. Note that your comment will need to be reviewed before its published.

There are no products
Invia
1
Domande? Chatta con noi
Ciao,
contattaci via WhatsApp per info e domande sui prodotti o sugli ordini! Puoi scegliere anche l'operatore in base alle tue esigenze.
Rispondiamo dal lun al ven dalle 9.00 alle 18.00