Farmaci per l’erezione: sono sempre la scelta migliore contro i problemi erettili?

La popolazione invecchia, lo stile di vita medio diventa sempre più stressante e difficile, oltre a pubblicità più o meno esplicite dirette al consumatore, sono solo alcuni dei fattori che facilitano la richiesta di farmaci come il sildenafil (Viagra) o i suoi concorrenti o della Terapia sostitutiva di Testosterone negli uomini che sviluppano un problema di erezione.

Ma un farmaco per la disfunzione erettile (DE) è sempre il miglior punto di partenza? Perchè in alcuni casi i farmaci per i problemi di erezione non funzionano o deludono le aspettative di chi li assume?

 

Cause e fattori di rischio dei problemi di erezione

Occasionalmente, tutti gli uomini possono riscontrare un problema erettile, circostanza che è del tutto normale. Il problema potrebbe destare allarme quando un uomo:

  • Non riesce ad ottenere una erezione
  • Ottiene l’erezione ma non riesce a mantenerla per un periodo sufficiente al coito
  • Ottiene una erezione ma inconsistente.

La maggior parte dei casi di disfunzione erettile sono causati dalle anomalie dei vasi sanguigni o dei nervi del pene. Fra le altre cause possibili vi sono:

  • disturbi ormonali, come i livelli estremamente bassi di testosterone oltre a diminuire l’impulso sessuale possono anche causare disfunzione erettile
  • l’assunzione di alcuni farmaci
  • problemi psicologici (come l’ansia da prestazione o la depressione) o i fattori che diminuiscono il livello energetico dell’uomo (come malattia, affaticamento o stress) causano o favoriscono la DE.

Fra i fattori di rischio che potrebbero causare una disfunzione erettile, ricordiamo:

  • il peso eccessivo
  • il fumo è un fattore di rischio per l’aterosclerosi
  • il consumo eccessivo di alcool e droghe illegali come la cocaina e le anfetamine.

 

L’uomo di fronte ad un disturbo erettile occasionale

problemi erettiliGli uomini che non riescono costantemente a raggiungere o mantenere l’erezione dovrebbero consultare il proprio medico, per individuarne con esattezza la causa e per valutare se possa un segnale di un problema di salute grave (come l’aterosclerosi o una malattia neurologica).

Come abbiamo già accennato prima, qualche episodio occasionale di disfunzione erettile non è insolito e non dovrebbe allarmare l’uomo. Purtroppo non è così! E quando si verifica il maschio spesso va subito in ansia, vorrebbe scongiurare che l’episodio si verifichi ancora e il suo primo pensiero va ai farmaci. Molti credono, o si illudono, che i farmaci come il Viagra o il testosterone di sintesi, siano la panacea contro ogni problema della sfera sessuale e che possano prevenire qualsiasi disturbo futuro.

Molti medici, inoltre, consigliano come primo trattamento contro i problemi erettili il Viagra o simili, perché tendono a funzionare in modo veloce dando una risposta rapida e soprattutto soddisfazione al paziente. Ma, come il testosterone, i farmaci di sintesi non funzionano per circa il 30% degli uomini.

Cerchiamo di fare un po’ di chiarezza sulla disfunzione erettile e sul perchè in alcuni casi i farmaci più comunemente prescritti non danno gli effetti sperati.

 

Problemi di erezione: quando il Viagra non è efficace

Per ottenere un’erezione, è fondamentale che a livello meccanico tutto funzioni correttamente:  il pene ha bisogno di un’adeguata quantità di flusso di sangue in entrata, del rallentamento del flusso di sangue in uscita, di un’idonea funzione dei nervi che arrivano e partono dal pene, di adeguate quantità dell’ormone sessuale maschile testosterone.

Ma non basta, se tutto questo sistema funziona adeguatamente ma l’uomo non ha l’impulso sessuale (libido) sufficiente, può comunque riscontrare difficoltà o impossibilità ad avere o mantenere l’erezione.

I farmaci contro la disfunzione erettile sono inibitori della fosfodiesterasi orali (sildenafil, vardenafil, avanafil e tadalafil) e aumentano il flusso di sangue al pene. Quindi la loro azione è meccanica e non afrodisiaca o stimolante del desiderio sessuale e della libido.  Se l’uomo non prova attrazione, non è eccitato ed ha un disturbo della libido, questi farmaci hanno una alta probabilità di essere inefficaci.

 

Problemi di erezione: quando non basta il Testosterone

Prima che il Viagra apparisse sulla scena nel 1998 e trasformasse il trattamento della disfunzione erettile, la somministrazione di testosterone era un’importante terapia medica per questo problema.

Il testosterone è centrale nella risposta sessuale maschile, compreso il desiderio sessuale e il meccanismo di attivazione dell’erezione ed è anche per questo che bassi livelli di testosterone possono influire negativamente sulla vita sessuale e sulla qualità della vita dell’uomo.

Detto questo, si potrebbe concludere che assumere questo ormone possa essere la soluzione definitiva e completa ai problemi erettili!

Anche in questo caso, non è sempre così.

Le erezioni dipendono anche dal testosterone, è vero, ma la relazione tra i due è complessa e non completamente compresa. Alcuni uomini hanno erezioni sane nonostante i livelli di testosterone ben al di sotto del range normale; altri uomini con problemi di erezione hanno quantità di testosterone perfettamente normali.

Se il livello di testosterone è nel range normale, aumentarlo attraverso la terapia sostitutiva di testosterone (TRT) probabilmente non aiuterà affatto l’erezione. In questo caso si dovranno cercare altre cause con l’aito del medico.

 

Oltre a tutte queste incognite sulla efficacia dei farmaci per la disfunzione erettile, è importante anche considerare:

 

Concludendo: perché a volte i farmaci per i problemi di erezione non funzionano?

Desiderio sessuale, libido, eccitazione e capacità erettile sono fattori molto più complessi di quanto si possa comunemente pensare.

Avere e mantenere una erezione non è un meccanismo sempre “automatoco” e scontato, ma affinchè si inneschi sono necessarie alcune condizioni:

  1. l’uomo deve avere desiderio sessuale
  2. non deve provare ansia e preoccupazione legate alla sessualità o avere problemi di autostima
  3. lo stato di salute generale deve essere buono (problemi cardiovascolari ad esempio, possono impedire meccanicamente l’erezione)
  4. a livello psicologico non dovrebbero essereci ostacoli: fattoriculturali, l’influenza di stimoli esterni, fattori relazionali con la partner o la sfera femminile in generale e soprattutto fattori psicologici come ansia, stress, preoccupazioni, possono minare la sessualità.

Precisate queste condizioni, che sono prerequisiti essenziali per ogni rapporto sessuale,  è facile concludere che i farmaci per i problemi erettili o l’assunzione di testosterone di sintesi possono non essere sufficienti a garantire l’ottenimento e il mantenimento di una erezione soddisfacente.

E’ vero che una carenza di testosterone può avere un’influenza negativa sulla libido e quindi contribuire alla comparsa di problemi di erezione, ma è anche vero che aumentare il testosterone non garantisce, da solo, l’ottenimento di erezioni migliori né un aumento della libido matematico. Inoltre, è altrettanto vero, che se la libido è alta ma ci sono problemi vascolari, l’erezione sarà difficile da attivare e mantenere.

E pensiamo ai maschi che purtroppo accusano entrambi i problemi: cosa dovrebbero fare? Assumere il testosterone di sintesi per aumentare la libido e il Viagra per stimolare il meccanismo erettile?

 

Alcuni consigli

Per tutto questo che abbiamo detto, vogliamo concludere con alcuni consigli:

  • se insorge un problema di erezione, non andare nel panico, nella maggior parte dei casi il problema è occasionale e, soprattutto, l’ansia è la peggior nemica della sessualità
  • se il problema persiste consultare uno specialista andrologo, l’unica figura che può identificare la causa del problema e stabilire se sia il caso o no di ricorrere ai farmaci
  • se sono escluse cause organiche e il problema persiste, provare prima a stimolare la libido, il desiderio e dare un aiuto al meccanismo erettile attraverso l’integrazione di sotanze naturali ad azione afrodisiaca, stimolante del testosterone e del flusso sanguigno.

 

Gli integratori  sessuali per i problemi di erezione

Gli integratori di testosterone di origine naturale sono per lo più ricavati da estratti erboristici come il Fieno greco e la Maca, spesso completati con sostanze come l’Arginina e lo Zinco.

Gli integratori sessuali ad azione stimolante, afrodisiaca e che possono aiutare il meccanismo dell’erezione sono in genere a base di piante come la Maca Peruviana, la Damiana, la Muira puama, il Ginseng e il Ginkgo Biloba.

 

Lascia un commento

Hey, so you decided to leave a comment! That's great. Just fill in the required fields and hit submit. Note that your comment will need to be reviewed before its published.

Carrello vuoto

SUBITO IL 10%

DI SCONTO!

   - 10%

Invia
1
Domande? Chatta con noi
Powered by Join.chat
Ciao,
contattaci via WhatsApp per info e domande sui prodotti o sugli ordini! Puoi scegliere anche l'operatore in base alle tue esigenze.
Rispondiamo dal lun al ven dalle 9.00 alle 18.00