Estrogeni, ormoni vitali nello sviluppo femminile!

estrogeniEstrogeni

Più di cento anni fa Sigmund Freud propose che il “sesso” fosse una delle forze trainanti del comportamento umano. I numerosi risultati della ricerca clinica sugli effetti degli ormoni sessuali – estrogeni, progesterone e testosterone – sul comportamento sembrano indicare che dopo tutto non si sbagliava completamente. Gli ormoni sono messaggeri chimici che dicono a tessuti specifici di comportarsi in un certo modo e gli estrogeni, in particolare svolgono un ruolo essenziale nella crescita e nello sviluppo delle caratteristiche sessuali secondarie femminili, come seno, peli pubici e ascellari, nella regolazione del ciclo mestruale e del sistema riproduttivo.

Usando un linguaggio più diretto potremmo dire che “l’estrogeno è roba potente”!

Insieme al progesterone (che aiuta l’impianto dell’ovulo e a mantenere la gravidanza) è uno degli ormoni più importanti per le donne ed è coinvolto nello sviluppo di una serie di problemi di salute.

Gli estrogeni vengono prodotti principalmente dalle ovaie e i loro recettori si trovano in circa 300 tessuti diversi, dal cervello alle ossa al fegato. Ciò significa che, in un modo o nell’altro, tutti questi tessuti rispondono alla presenza di estrogeni. Alcuni, compresi i tessuti del tratto urogenitale, i vasi sanguigni, la pelle e il seno, richiedono estrogeni per mantenere il loro tono e flessibilità. I livelli di estrogeni iniziano a salire nelle ragazze già dagli 8 anni in risposta a una sinfonia di segnali che stimolano lo sviluppo sessuale. L’ipotalamo, nel cervello, funge da maestro, spronando l’ipofisi a rilasciare ormoni, che a loro volta spingono le ovaie a sfornare estrogeni.

All’età di 11 o 12 anni, la produzione di estrogeni e altri ormoni da parte delle ovaie, è sufficiente per iniziare lo sviluppo del seno, la crescita di peli nell’area del pube e delle ascelle e la comparsa delle mestruazioni. Ma poiché questi ormoni influenzano così tanti tessuti e sono responsabili di ogni sorta di caos adolescenziale: capelli più grassi e pelle impura, sbalzi di umore, un crescente interesse per il sesso e talvolta gravi crampi mestruali, la menopausa è un’immagine speculare di questo processo.

Proprio come gli estrogeni aumentano gradualmente durante l’infanzia, la loro produzione inizia a calare circa 25 anni dopo. Gli effetti del declino sono raramente evidenti – tranne nella diminuzione della fertilità – fino ai primi 40 anni di età, quando le donne entrano nel periodo di transizione noto come peri menopausa. Le mestruazioni diventano meno regolari, la pelle diventa più secca, i capelli diventano più fragili e più radi sotto le braccia e tra le gambe. Alcune donne avvertono una perdita di libido e molte soffrono di fluttuazioni dell’umore analoghe a quelle che affliggono le adolescenti. L’estrogeno è cruciale per la funzione riproduttiva e il ciclo di noi donne, anche se in minima parte livelli molto più bassi di estrogeni sono presenti anche negli uomini.

 

Il nostro corpo grida estrogeni!!!

Per comprendere quanto gli estrogeni e i loro buoni livelli nel nostro organismo siano fondamentali per vivere in salute basta dare un’occhiata all’elenco che comprende le parti del corpo “baciate” dagli estrogeni:

  • Ovaie: gli estrogeni aiutano a stimolare la crescita di un follicolo uovo.
  • Vagina: stimola la crescita della vagina fino alla sua dimensione adulta, l’ispessimento della parete vaginale e un l’aumento dell’acidità vaginale che riduce le infezioni batteriche, la vagina, inoltre, grazie agli estrogeni può contare su una buona lubrificazione.
  • Tube di Falloppio: gli estrogeni sono responsabili della crescita di una spessa parete muscolare nelle tube di Falloppio e delle contrazioni che trasportano l’uovo e le cellule spermatiche.
  • Utero: gli estrogeni migliorano e mantengono la mucosa che riveste l’utero, aumentano le dimensioni dell’endometrio e migliorano il flusso sanguigno, il contenuto di proteine ​​e l’attività degli enzimi. L’estrogeno inoltre stimola i muscoli dell’utero a svilupparsi e contrarsi. Le contrazioni aiutano durante il parto e l’espulsione della placenta e aiutano anche la parete dell’utero a liberarsi del tessuto morto durante le mestruazioni.
  • Cervice: si pensa che gli estrogeni regolino il flusso e lo spessore delle secrezioni mucose uterine, ciò migliora il movimento di una cellula spermatica verso un uovo e consente la fecondazione.
  • Ghiandole mammarie: gli estrogeni formano relazioni uniche con altri ormoni nel seno, sono responsabili della crescita del seno durante l’adolescenza, della pigmentazione dei capezzoli e infine dell’arresto del flusso di latte quando si smette di allattare.
  • Cervello: l’estrogeno può aiutare a mantenere la temperatura corporea, regolare la parte del cervello legata allo sviluppo sessuale e migliorare gli effetti delle sostanze chimiche “buone per il cervello” (studio https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4491541/).
  • Pelle: gli estrogeni migliorano lo spessore e la qualità della pelle, nonché il contenuto di collagene che previene l’invecchiamento.
  • Ossa: gli estrogeni aiutano a preservare la forza ossea e a contrastare l’osteoporosi.
  • Fegato e cuore: l’ormone regola la produzione di colesterolo nel fegato, contribuendo a proteggere il cuore e le arterie.

 

L’altalena degli estrogeni nella nostra vita!

I normali livelli di estrogeni possono variare molto nel corso della vita di una donna e quando i livelli scendono o aumentano troppo le funzioni corporee possono essere irregolari e influenzare negativamente non solo la qualità della vita, ma anche la sfera sessuale.

Cause di bassi livelli di estrogeni:

  • insufficienza ovarica
  • una ghiandola pituitaria ipoattiva
  • aborto spontaneo
  • la menopausa e la perimenopausa
  • sindrome dell’ovaio policistico (PCOS)
  • anoressia nervosa
  • esercizio fisico intenso
  • alcuni farmaci
  • parto
  • allattamento

Il picco di estrogeni avviene in questi casi:

  • pubertà
  • sovrappeso e obesità
  • alta pressione sanguigna
  • diabete
  • gravidanza sana
  • tumori delle ovaie o delle ghiandole surrenali
  • una gamma di farmaci, tra cui steroidi, ampicillina, farmaci contenenti estrogeni, fenotiazine e tetracicline.

Estrogeni su e giù? Ecco i sintomi da non sottovalutare

Gli effetti dei livelli altalenanti degli estrogeni possono manifestarsi con questi sintomi:

  • le mestruazioni diventano meno frequenti fino ad interrompersi completamente (menopausa)
  • sanguinamento leggero o abbondante durante le mestruazioni
  • vampate di calore, sudorazioni notturne
  • grumi non cancerosi nel seno e nell’utero
  • sbalzi d’umore e problemi del sonno
  • aumento di peso, visibilmente più evidente su fianchi, cosce e girovita
  • calo del desiderio sessuale
  • stanchezza
  • ansia e depressione
  • pelle secca
  • capelli fragili.

Alti livelli di estrogeni negli uomini possono essere causa di infertilità, disfunzione erettile, cancro alla prostata, e sviluppo di seni più grandi, noti anche come ginecomastia.

Anche tu soffri i fastidi del calo ormonale?

Scopri la nostra linea di prodotti naturali studiati per la donna in menopausa!


Integratori e Cosmetici Funzionali contro i principali disturbi del climaterio (premenopauasa, menopausa e postmenopausa).

Se vuoi saperne i più sull’azione dei fitoestrogeni, sostanze naturali che mimano l’azione degli estrogeni, sui sintomi e i fastidi della menopausa, clicca sul link!

FONTE:

medicalnewstoday.com

 

Lascia un commento

Hey, so you decided to leave a comment! That's great. Just fill in the required fields and hit submit. Note that your comment will need to be reviewed before its published.

There are no products
Invia
1
Domande? Chatta con noi
Ciao,
contattaci via WhatsApp per info e domande sui prodotti o sugli ordini! Puoi scegliere anche l'operatore in base alle tue esigenze.
Rispondiamo dal lun al ven dalle 9.00 alle 18.00