Innamoramento e chimica: quale alchimia?

Cosa succede all’organismo umano quando ci innamoriamo? Perchè l’innamoramento ci fa sentire meglio, come in uno stato di grazia? Quale correlazione c’è tra innamoramento e chimica?

Innamoramento e chimicaL ‘innamoramento è una delle esperienze più belle della vita, uno stato di grazia che ci rende gioiosi, propositivi, felici ed appagati. L’innamoramento agisce quasi come un farmaco che scatenando il rilascio di ormoni, neurotrasmettitori e sostanze chimiche ci permette di amplificare sensazioni fisiche e psichiche. Tutto sembra più bello, più allegro, più colorato e ci sentiamo in pace con il mondo e con noi stessi.

Ma come è possibile tutto ciò? Cosa succede al nostro corpo durante la fase d’innamoramento e soprattutto quali sono le molecole capaci di modificare in meglio il nostro umore?

La Feniletilamina o PEA è un’ alcaloide neurotrasmettitore capace di stimolare la libido e il desiderio sessuale. E’ la molecola responsabile dello stato euforico e positivo che si sperimenta all’inizio di un rapporto amoroso; è talmente potente che addirittura, ad alti livelli, ha effetti sovrapponibili alle anfetamine. Purtroppo, dopo il picco raggiunto nei primi mesi dell’innamoramento, comincia gradatamente a calare.

Dopamina

La dopamina è un neurotrasmettitore la cui attività è strettamente legata alle sensazioni di piacere e all’ eccitazione sessuale. Nell’innamoramento l’associazione tra incontro e piacere spinge i due partner a ripetere l’esperienza, l’incontro assume un tale importanza da diventare un bisogno primario; la dopamina entra in gioco proprio nello stimolare il piacere dovuto alla soddisfazione dei bisogni primari (fame, sete, sesso, ecc).

Noradrenalina

La noradrenalina è un neurotrasmettitore presente soprattutto nell’ipotalamo e nel sistema limbico. Il suo livello aumenta nella fase di innamoramento provocando uno stato di euforia ed eccitazione. Favorisce la contrazione dei vasi venosi degli organi sessuali ( pene e clitoride) e inibisce il senso di fame. Insieme all’ adrenalina è responsabile, durante la fase amorosa, dell’aumento del ritmo cardiaco, della respirazione e della pressione sanguigna.

Ossitocina

L’ossitocina è un ormone secreto dall’ ipofisi e conosciuto come ormone dell’amore; la sua azione rende euforici, empatici e fiduciosi, regola l’eccitazione sessuale, favorisce l’orgasmo e ha effetti benefici sul nostro organismo.

Endorfine

Le endorfine hanno una struttura simile alla morfina, e subentrano quando l’amore iniziale gradualmente si trasforma in una relazione stabile, hanno un’azione calmante ed analgesica. Le endorfine sono maggiormente interessate nel  passaggio dalla fase passionale alla fase affettiva.

L’amore e l’innamoramento sono quindi solo e soltanto processi chimici? Da un punto di vista scientifico sicuramente si, ma rimane un mistero il perché questi processi siano scatenati da una persona in particolare.

E’ questo l’affascinante mistero dell’ Amore.

 

Lascia un commento

Hey, so you decided to leave a comment! That's great. Just fill in the required fields and hit submit. Note that your comment will need to be reviewed before its published.

1
Ciao,
per info e domande sui prodotti, sugli ordini o sul sito, clicca sul pulsante verde per contattarci via WhatsApp!
Powered by